fbpx

Come i musei stanno integrando gli NFT

NFT, cultura e arte ormai vanno a braccetto. Eppure ancora molte istituzioni sono caute nel farsi coinvolgere in questo mondo. In questo articolo vi vogliamo raccontare di come i musei si stanno muovendo nell’utilizzo degli NFT con alcuni esempi e riflessioni per noi molto interessanti.

Unit London e la mostra “Eternalizing Art History”

Unit London e la mostra "Eternalizing Art History" NFT

“Svegliarsi con un’opera di questo calibro è davvero speciale: avere un Leonardo a casa”, ha affermato Joe Kennedy, direttore della galleria d’arte contemporanea, entusiasta dello schermo LED con una replica digitale del “Ritratto di Musico” di Leonardo da Vinci sulla parete della sua galleria. L’originale si trova a 800 miglia di distanza, nel museo Ambrosiana di Milano.

Il Leonardo era una delle sei copie ad altissima risoluzione di famosi dipinti di tutti i secoli nella mostra “Eternalizing Art History” dello Unit a Londra.

Con la vendita di una copia NFT delle opere, i musei hanno avuto la possibilità di generare entrate economiche. Infatti, l’anno scorso gli NFT hanno realizzato nel campo dell’arte e degli oggetti da collezione vendite per miliardi di dollari.

Le chiusure legate alla pandemia e la ridefinizione della priorità della spesa pubblica hanno messo sotto pressione finanziaria tutti i musei pubblici del mondo. Eppure finora, nonostante i formidabili dati di vendita raggiunti dagli NFT, poche istituzioni hanno esplorato questa risorsa digitale come meccanismo di raccolta fondi.

Unit e il suo partner tecnologico Cinello hanno stretto accordi di licenza con diversi importanti musei italiani per creare un’offerta ibrida di riproduzioni su LED  in cornici in legno in stile d’epoca, ciascuna accompagnata da un NFT unico.

Versioni digitali delle stesse dimensioni del ritratto di Leonardo, della “Canestra di frutta” di Caravaggio e della “Madonna del Cardellino” di Raffaello sono state offerte con un prezzo che va da 100.000 euro a 500.000 per pezzo. Il 50% dei proventi delle vendite è andato ai musei che ospitano queste opere.

Altri musei che si sono interessati agli NFT

Questa collaborazione tra la galleria Unit London e i musei italiani non è stato però l’unico tentativo realizzato. Infatti, anche il Museo statale Ermitage, a San Pietroburgo, lo scorso settembre ha tenuto un’asta di repliche NFT di cinque dei suoi dipinti più famosi.

Il museo del Belvedere di Vienna, invece, ha frazionato l’immagine de “Il bacio” di Gustav Klimt in 10.000 NFT. Sono stati poi rilasciati il 14 febbraio, per San Valentino, al prezzo di 0,65 Ethereum ciascuno. All’inizio di questa settimana, Irene Jaeger, addetta alle relazioni con i media del museo austriaco, ha affermato che circa 2.400 di questi NFT di Klimt sono stati venduti, generando circa 4,3 milioni di euro.

museo-belvedere-NFT

Un altro caso è stato il museo Whitworth a Manchester, in Inghilterra. Sono stati realizzati 50 NFT basati su una stampa di William Blake che si appoggiano alla blockchain Tezos. Partner tecnico del progetto è stata l’azienda Vastari.

Le perplessità

Tra le ragioni per cui solo pochi musei hanno voluto sperimentare gli NFT c’è sicuramente la questione ambientale. La poca conoscenza e regolamentazione delle criptovalute, la difficoltà di trovare partner tecnologici di fiducia e il costo di tali partnership sono altri motivi citati dai professionisti dei musei come ragioni di esitazione.

“I musei americani sono organizzazioni senza scopo di lucro che lavorano con la fiducia del pubblico”, ha affermato Tina Rivers Ryan, curatrice specializzata in arte digitale presso la Albright-Knox Art Gallery, a Buffalo. “Ciò significa che legalmente e moralmente sono obbligati a muoversi con cautela”.

Ryan ha aggiunto, tuttavia, che molti musei americani stanno attualmente discutendo internamente su come gli NFT potrebbero essere incorporati nella loro missione. “Il mercato sta cambiando così rapidamente“, ha detto. “Ci sono questioni legali, ambientali e di altro tipo che devono essere considerate con molta attenzione”.

Gli NFT del British Museum

Un’istituzione che non ha perso tempo ad abbracciare gli NFT come strumento di raccolta fondi è il British Museum di Londra. Presieduto da George Osborne, un ex ministro delle finanze britannico, il museo ha stretto una partnership quinquennale esclusiva con la piattaforma NFT LaCollection. Da allora il museo ha realizzato diversi token, in quantità variabili da due a 10.000, utilizzando copie digitali di opere di Katsushika Hokusai e J.M.W. Turner. I prezzi degli NFT variavano da $ 500 a $ 40.000.

NFT-British-Musuem

Consapevole dell’impatto ambientale causato dagli NFT, LaCollection ha affermato sul suo sito Web che “per ogni NFT mintato, piantiamo un albero” per compensare l’impronta di carbonio dell’attività.

Il mercato degli NFT museali

Suse Anderson, assistente professore di studi museali alla George Washington University, ha invece affermato di essere scettica sul fatto che i musei vengano coinvolti nella moda degli NFT. “Rischia di essere un espediente piuttosto che concentrarsi sul lavoro stesso. Dovremmo mettere a disposizione del pubblico le risorse il più possibile”, ha affermato Anderson.

Eppure ha riconosciuto che attualmente esiste un mercato per gli NFT dei musei. “Potrebbe non durare a lungo, ma questo è un momento in cui c’è una possibilità di raccolta fondi e visibilità“, ha detto.

Al momento, quel mercato è relativamente piccolo. Le gallerie finanziate con fondi pubblici diffidano delle criptovalute. Per coloro che sono immersi in quel mondo, la vecchia arte digitalizzata non ha il fascino speculativo degli NFT, come CryptoPunks, che possono vendere per milioni. Finora, nessun museo NFT ha ottenuto profitti che attirino l’attenzione su piattaforme di rivendita, come OpenSea.

Ma cosa succede se la riproduzione di un capolavoro è così bella da sembrare proprio come l’originale, appeso in una bella cornice su un muro? Quelli non hanno il potenziale per vendere per milioni, o almeno centinaia di migliaia?

“Eternalizing Art History” presentava repliche digitali di famose opere custodite in Italia. L’ultimo giorno di mostra, Eve Smith, avvocato, sembrava impressionata. “Questa è la seconda volta che ci vado. Sono rimasta completamente sbalordita”, ha detto guardando una copia digitale retroilluminata ad altissima risoluzione del dipinto di Francesco Hayez del 1896, “Il bacio”.

“Sembra raso. Sembra che ci sia una consistenza in quello che stai guardando, ma non c’è”, ha detto Smith. “Voglio ancora andare alla Pinacoteca a Brera? Ovviamente.” Ma sarebbe disposta a pagare il prezzo richiesto da Unit London di € 180.000 per possedere una delle nove edizioni NFT? “Dipende da quanto ti piace la riproduzione”, ha detto Smith.

Fonte: The New York Times

Se vuoi realizzare un progetto NFT per il tuo museo, scopri qui come puoi fare: NFT per Musei

Vuoi realizzare un’attività di formazione per la tua azienda?

Realizziamo percorsi completi di apprendimento su Web3, NFT e Metaverso in presenza e online.

È uscito il nostro libro! 

Vuoi conoscere e comprendere il mondo NFT? Acquista il nostro libro su Amazon: incluso per il lettore ci sarà anche un NFT in omaggio!

compra-il-libro-siamo-tutti-non-fungibili

Seguici sui nostri social:

Le ultime news NFT

Vuoi una consulenza gratuita di 15 minuti per sviluppare un progetto NFT o Metaverso per la tua azienda?
Compila il form!

SCARICA GRATIS IL NOSTRO nuovo BUSINESS REPORT ESCLUSIVO

Scopri i 6 segreti per lanciare la tua azienda nel web 3.0. 

Contiene informazioni vitali che nessun Guru o agenzia di marketing “specializzata” in Metaverso ti riveleranno mai.